I sei punti del piacere erotico. PDF Stampa E-mail

I sei punti del piacere - Quando si tratta di sesso, bisogna saper pensare fuori dagli schemi. Anche quando si parla di zone erogene. Dove stimolarsi a vicenda senza andare a toccare i soliti posti. Per non annoiarsi, per scoprire nuovi giochi e regalarsi sensazioni speciali

I sei punti del piacere

Quando si tratta di sesso, bisogna saper pensare fuori dagli schemi. Anche quando si parla di zone erogene. Dove stimolarsi a vicenda senza andare a toccare i soliti posti. Per non annoiarsi, per scoprire nuovi giochi e regalarsi sensazioni speciali

 

Non c'è niente come la routine per soffocare la passione. Nel sesso bisogna variare (non partner, ma giochi, posizioni, carezze) perché se è vero che magari una pratica o una modalità piacciono molto, alla lunga anche il caviale annoia. Lo abbiamo detto più volte: i preliminari sono fondamentali per il raggiungimento del piacere, della donna soprattutto. Ma se fatti male, svogliatamente o ripetitivamente, ottengono solamente l'effetto contrario. Se pensate che ci siano solo un paio di zone erogene e non di più, se vi limitate a qualche carezza intima o al seno, sappiate che là sotto c'è tutto un mondo da scoprire. Ci sono anfratti e angolini del corpo umano che meritano di essere stimolati, perché la gioia a sorpresa che regalano sapranno incantare il vostro partner. Ecco allora i 6 punti del piacere secondo Veronica Monet, celebre e super titolata sessuola americana. Da accarezzarsi a vicenda, per essere felici in due.

Là dove non batte il sole
Non trascurate il perineo. Quella "zona d'ombra" che sta tra gli organi genitali e l'ano. È ipersensibile, ricca di terminazioni nervose e spesso dimenticata, ma erronemente perché in grado di regalare grandi soddisfazioni. Va stimolata con delicatezza, con le dita, la lingua o un piccolo vibratore. I più disinvolti, potranno poi scivolare verso i glutei e l'ano per proseguire nella stimolazione di quell'area.


Il ditone, che passione!
Ricordate "Pulp Fiction" e la discussione sul tasso di erotismo di un massaggio ai piedi? Ebbene, la stimolazione delle estremità è super eccitante e in grado di regalare sensazioni che la Monet descrive come impareggiabili. Che fare dunque? Un massaggio ai piedi con un olio tiepido, per esempio. Per alcune persone la suzione dell'alluce equivale quasi a una fellatio. Non vi piacciono le estremità, anzi vi disgustano? «Prendete il piede del partner in mano - suggerisce la sessuologa - e tenetelo stretto. Solo questo tipo di contatto risulterà piacevolissimo».

I gioielli di famiglia
Dopo il pene, i testicoli sono il suo orgoglio, oltre che uno dei punti del piacere più intensi. Dedicatevici con amore e pazienza. Stimolateli come meglio credete: con qualche carezza, alternano i polpastrelli alle unghie, con leggeri colpetti, con il calore della bocca, con l'alito. L'importante è stimolare un testicolo per volta. La cosa che lo farà davvero impazzire è essere leccato e farsi succhiare i gioielli di famiglia. Ma se la cosa non fa per voi perché vi imbarazza o vi schifa, scaldatevi tra le mani dell'olio per rapporti intimi (lubrificante) e poi accarezatelo. L'effetto sarà quasi orale.

Il punto è sempre quello
Quando si dice Punto G si pensa subito alla donna. Invece il fatidico e misteriosissimo punto del piacere per eccellenza è bisessuale. Esiste sia per lei che per lui. Le istruzioni della Monet per trovarlo sono semplici: inserire nella vagina di lei o nell'ano di lui un dito, palmo della mano rivolto verso l'alto, per una profondità di circa 4 centimetri. Esplorare lentamente alla ricerca di quel punto vagamente ruvido e rigonfio (sarà il partner a farvi capire quando l'avete trovato) e poi stimolarlo muovendo la punta del dito verso di voi, come se steste invitando a gesti qualcuno ad avvicinarsi. Il risultato è garantito.

Il cuscino dell'amore
I glutei, impareggiabili strumenti di seduzione. Luci soffuse, musica rilassante, olio tiepido e profumato: massaggiate la zona dove finisce la schiena e inizia il sedere, è quella la parte più sensibile che invia sensazioni intense anche ai genitali. La stimolazione dev'essere non troppo vigorosa ma per niente soft. Le mani si devono sentire. Allargate poi la zona d'azione: più schiena e più glutei.


Brividi e adorazione
Nessuno pensa mai alle palpebre. Eppure niente come qualche bacio delicato sugli occhi comunica passione e adorazione. Idem per la stimolazione del collo, tramite carezze, sussurri, baci. Lo scopo è far venire la pelle d'oca e far correre lungo il corpo del partner brividi di attesa, anticipazione e di piacere.
Libero News
 

Regolamentare la Prostituzione?





 

Ultimi argomenti dal Forum

Altri argomenti nel forum »

Banner

locali in evidenza:

Banner

Perchè nasce casedipiacere.it

Il tema della cosiddetta “Regolamentazione” della prostituzione è un argomento sulla bocca di tutti, ma nessuno concretamente ha fatto qualcosa per risolvere definitivamente questo problema.

Personalmente sono dell'opinione che tutti quanti noi stiamo vivendo nell'ipocrisia più totale: 

il problema viene vissuto, come prima dicevo, almeno a parole da tutti ma al tempo stesso nessuno fa niente o, ancor meglio, tutti sono convinti di non poter fare nulla a riguardo. Non è così perché non possiamo più nasconderci dietro un dito e continuare a mettere la testa sotto la sabbia, ma dobbiamo trovare una soluzione e per fare questo dobbiamo parlare a chiare lettere e confrontarci al fine di trovare delle vere proposte risolutive.

Con questo sito vorrei riuscire a formare un gruppo unito e solido per far sì che, in un modo o nell’altro, possa emergere realmente quello che la maggior parte delle persone vuole.

casedipiacere.it, TV, ITALIA | Il portale che da voce alle vostre opinioni | 
Copyright © 2014. Case di piacere. Designed by advclinik.com

S5 Box

modulo Registrazione

*
*
*
*
*

I campi con il simbolo (*) sono obbligatori.
Effettuando la registrazione dichiaro di essere maggiorenne


IMPORTANTE
Riceverai una e-mail per confermare la registrazione - Se non dovesse arrivare controlla nei filtri antispam